Caricamento Eventi

Il Congresso è rivolto a n. 100 Medici Chirurghi (tutte le specializzazioni), Infermieri Professionali e Fisioterapisti

 

Crediti ECM: 12

 

PROGRAMMA

COMPILA  DI SEGUITO IL FORM DI ISCRIZIONE:

Se non sei un medico chirurgo, scrivere NESSUNO.

 

 

La medicina interna, nella poliedricità di argomenti e di patologie trattate, sta acquisendo una sua autonomia ed una sua valenza, pur non dimenticando la proficua collaborazione con le varie branche specialistiche: cardiologia, pneumologia, infettivologia, endocrinologia, chirurgia, rianimazione, oncologia, nefrologia.

Questo congresso nasce, dalla voglia e dall’esigenza di un confronto diretto tra, colleghi, amici; tra chi rappresenta il presente ed il futuro dell’ASL Brindisi, i giovani specialisti, e chi rappresenta il passato, il presente ed il futuro prossimo, i mentori di noi giovani.

Colloquiando e confrontandosi su varie tematiche, capisaldi della medicina interna, i giovani specialisti dell’ASL Brindisi, cercheranno di apportare il loro contributo sotto gli occhi vigili di chi, con la sua esperienza, ha contribuito alla nostra crescita professionale ed umana.

Sempre crescenti sono i rapporti e i legami che accomunano le varie specialità, basti pensare alla stretta interconnessione fisiopatologica e terapeutica tra le patologie cardiovascolari e il diabete, tra le patologie cardiovascolari e pneumologiche, tra le patologie renali e cardiovascolari.

La conoscenza di nuovi meccanismi fisiopatogenetici, responsabili delle malattie metaboliche, ha permesso lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici atti a prevenire e curare la patologia del terzo millennio: l’obesità, la cui gestione, vede ancora una volta coinvolte varie figure specialistiche, tra cui il chirurgo, l’endocrinologo, l’internista, l’epatologo, il nutrizionista, la cui collaborazione è essenziale per una corretta gestione diagnostico-terapeutica.

E, se fino a qualche anno fa, la gestione del paziente “settico” era prerogativa dell’infettivologo, con l’avvento delle terapie semintensive e con lo sviluppo di nuovi approcci diagnostico terapeutici, sempre più importante è diventata la collaborazione tra intensivista, internista, infettivologo, nefrologo, endocrinologo, anche alla luce dell’emergenza di nuovi patogeni multiresistenti, per i quali le nuove opzioni terapeutiche rappresentano sicuramente un valore aggiunto nella gestione clinica.

Fino a qualche anno fa, parlando di trombosi, le uniche possibilità terapeutiche che avevamo a disposizione erano i dicumarolici, ma, da qualche anno l’avvento dei NAO ha cambiato lo scenario della gestione dei pazienti trombofilici, rendendo possibile l’ottimizzazione terapeutica dei pazienti con cancro, con malattie reumatologiche e gastroenterologiche.

Ma accanto alla gestione ospedaliera, sempre più importante è lo sviluppo dell’attività ambulatoriale e della collaborazione ospedale territorio per la quale si auspica un maggior sviluppo, per consentire una migliore gestione del paziente ed una migliore ottimizzazione delle risorse.

Sono questi gli argomenti cardine che si cercherà di eviscerare in questo congresso, che vuol essere più una chiacchierata tra amici, volta alla crescita ed alla collaborazione tra le varie figure professionali, auspicando che tutto possa contribuire a rendere la realtà dell’ASL Brindisi competitiva con le migliori realtà, al fine di garantire la migliore cura e la migliore gestione dei nostri pazienti.