Caricamento Eventi

Il corso è rivolto a n. 50 Medici Chirurghi (specialisti in cardiologia, medicina di famiglia (medici di medicina generale), pediatria (Pediatri e Pediatri di libera scelta), anestesia e rianimazione).

Crediti ECM: 4

 

PROGRAMMA

 

COMPILA  DI SEGUITO IL FORM DI ISCRIZIONE:

Se non sei un medico chirurgo, scrivere NESSUNO.

 

L’ipertensione arteriosa polmonare nei pazienti con cardiopatia congenita è una condizione di difficile comprensione e gestione clinica. La vasculopatia polmonare può sovrapporsi a quadri fisiopatologici anche molto complessi, come quelli univentricolari, o determinare lo sviluppo di Sindrome di Eisenmenger. Può diventare quindi un disordine multisistemico che include alterazioni della coagulazione, disfunzione renale, osteoartropatia ipertrofica, compromessa qualità di vita e morte precoce. Per molto tempo la terapia si è limitata ad un trattamento sintomatico o trapianto di cuore o di cuore-polmoni. I nuovi vasodilatatori polmonari disponibili, di dimostrata efficacia in svariate forme di ipertensione arteriosa polmonare, mostrano effetti promettenti nel ritardare il deterioramento clinico anche dei pazienti con cardiopatia congenita. In questo appuntamento saranno esaminate le novità terapeutiche farmacologiche e interventistiche per i pazienti con cardiopatia congenita affetti da ipertensione arteriosa polmonare, con particolare riferimento a dati epidemiologici, aspetti clinici e percorsi diagnostico-terapeutici appropriati.